Cerca, scegli e prenota

Noleggia l'automobile a Malaga o Barcellona in soli 2 minuti

Storia di Malaga

La provincia di Malaga è stata per secoli una terra ammirata e ambita da diversi tipi di civiltà. È considerata una delle città più antiche d'Europa, che ha saputo adattarsi alle diverse culture che l'hanno attraversata. La grande storia di Malaga è stata, senza dubbio, una delle principali condizioni che l'hanno portata ad essere una città aperta e cosmopolita, molto attraente per i turisti del mondo per tutte le sue attrazioni.
In questo articolo della nostra guida a Malaga , spiegheremo un breve riassunto della sua vasta storia e dei suoi ricordi emozionanti, che puoi integrare perfettamente con l'articolo in cui parliamo dei monumenti di Malaga.


La storia di Malaga dalle sue origini

La storia di Malaga inizia ufficialmente con i Fenici, fondatori della città molti anni fa. Ma negli ultimi decenni sono stati rinvenuti reperti che confermano la precedente esistenza di civiltà preistoriche in varie parti della provincia, con i quali vi sono fondati dubbi che la storia di Malaga sia iniziata anche molto prima di quanto si sappia.

Fenici e Greci a Malaga

La storia di Malaga inizia intorno all'800 aC, dove i Fenici fondarono la città di Malaka. Il commercio iniziò con i piccoli villaggi bastetan della zona e la città di Malaka divenne un importante snodo commerciale.

Ciò era dovuto in gran parte alle buone condizioni per l'approdo nel suo porto naturale, ai piedi del monte Gibralfaro, ma anche alla quantità di giacimenti di argento e rame presenti in città.

Intorno al 600 aC, una colonia greca chiamata Mainake apparve nelle regioni più orientali della provincia di Malaga, che sarebbe scomparsa dopo la battaglia di Alalia nel 535 aC Anche così, l'importanza del commercio greco era grande in tutta la costa di Malaga e granaína.

Fino al 550 aC il popolo fenicio era al suo apice, commerciando e godendosi le terre della provincia.

Punici e indigeni

La storia di Malaga acquisisce altre culture nella seconda metà del VI secolo, quando i Fenici iniziarono ad abbandonare i loro villaggi e i Punici crearono un impero commerciale sulla costa.

Furono questi punici a rovesciare i greci nella battaglia di Alalia nel 535 a.C., lasciando completamente nelle loro mani il commercio della Spagna meridionale.

La conquista romana

Malaka era diventata l'indiscussa capitale commerciale della zona. Per questo motivo, a partire dall'anno 237 aC, divenne uno dei centri militari dell'ultimo periodo punico.

Dopo la rottura da parte dei Punici del trattato esistente con i Romani, inizia la cosiddetta Seconda Guerra Punica. Già nel 214 aC c'era una forte presenza di eserciti romani in Andalusia, e nel 206 aC i Punici consegnarono ai Romani l'ultima città rimasta in loro potere.

I Romani unificano le colonie della costa con quelle dell'interno e rientrano tutte sotto un unico potere romano. Da allora e fino alla caduta della Repubblica Romana, la provincia di Malaga vive in pace salvo qualche piccola ribellione. Inoltre, dall'anno 81, Malaka fu promulgata come città romana e visse un periodo di grande ricchezza e prosperità nella storia di Malaga.

Storia di Malaga nel Medioevo

La storia di Malaga continua con la caduta dell'Impero Romano nel 476, iniziando così un periodo di instabilità nelle terre di Malaga, e questo porta alla caduta di molte città.

I Visigoti

Nel 552 arrivarono i Bizantini con l'intenzione di ricostruire l'Impero Romano, ma il loro mandato durò pochissimo. Nel 615 la città fu saccheggiata e conquistata dai Visigoti, lasciando l'intera penisola sotto il loro dominio.

La conquista dei musulmani

È una parte molto nota della storia di Malaga. Ed è che a metà dell'VIII secolo i musulmani penetrarono nella penisola iberica dal Nord Africa e conquistarono la città. Qui Malaga entra in un periodo di pace e prosperità ed entra in un periodo di espansione in cui raggiunge più di 20.000 abitanti, diventando una delle città più popolose della penisola iberica.

Nell'anno 1026 Malaga entrò a far parte del regno nasride di Granada e rimase sotto il suo dominio fino alla conquista dei Re Cattolici. In questo momento, il commercio sta vivendo un picco spettacolare.

Incorporazione alla Corona di Castiglia

Fonte: Pixabay

Nel 1487 arriva la riconquista dei Re Cattolici che costituiranno l'attuale provincia di Malaga e sarà un duro colpo per il regno nasride di Granada che perde la sua principale porta marittima.

Età Moderna ed Età Contemporanea

Tra il XVI e il XVII secolo la città entrò in un periodo di instabilità dovuto, tra l'altro, alle epidemie e alle catastrofi naturali che si verificarono. Nonostante ciò, le esportazioni di vino e uva passa aumentano e il capitale raggiunge una grande importanza.

Nel XIX secolo iniziò un importante boom industriale nella storia di Malaga , nello stesso periodo in cui ci furono rivolte causate dall'instabilità politica della zona. Ma una piaga dei raccolti fa affondare l'industria provinciale.

Già nel XX secolo la popolazione sta attraversando una profonda crisi in cui soffre la fame e la povertà. Inoltre, nel 1936 furono subiti gli attacchi ei bombardamenti che portarono alla guerra civile spagnola.

Nel 1960 la dittatura arrivò nel paese e la città fu riaperta al mondo, arrivando così in città i primi turisti stranieri.

Novità a Malaga

Fonte: Pixabay

Oggi Malaga fa parte della Comunità Autonoma dell'Andalusia ed è divisa in 103 comuni e 9 regioni. Il turismo e il settore dei servizi sono quelli che focalizzano la sua economia.

Avendo più di 300 giorni di sole all'anno, la sua buona temperatura e le grandi attrazioni che la provincia ha, molte delle quali grazie alla storia di Malaga , l'hanno resa una delle principali destinazioni turistiche della Spagna e più di 10 milioni di persone decidono per visitarlo ogni anno.